Templates by BIGtheme NET
Home / Commercio e professioni / Autocertificazione CUD: come procedere passo per passo

Autocertificazione CUD: come procedere passo per passo

autocertificazione CUD

All’interno di questa guida provvederemo a spiegare in maniera semplice e dettagliata come fare autocertificazione CUD, facendo attenzione a ripercorrere tutti i passi necessari e non commettere errori in fase di compilazione documento.

Ad oggi, con gli effetti della globalizzazione, sempre più persone necessitano di questa dichiarazione sostitutiva unica, pertanto si rende necessario un approfondimento dedicato, anche perché non tutti sono in grado di destreggiarsi all’interno di leggi e burocrazia.

Ogni cittadino italiano o europeo o con permesso di soggiorno e maggiorenne può sottoscrivere un’autodichiarazione ed anche coloro che sono temporaneamente o permanentemente inabilitati a firmare possono godere di questo sussidio, presentando un documento di identità al pubblico ufficiale che attesterà l’identità.  Un esempio di autocertificazione che è possibile utilizzare nei rapporti con la pubblica amministrazione è quella relativa al CUD per colf e badanti.

   

Quando un datore di lavoro ed un collaboratore domestico come ad esempio una colf hanno stipulato un contratto di lavoro, devono far fronte ad alcuni accorgimenti fiscali, tra cui il dichiarare nella dichiarazione dei redditi ciò che è stato percepito attraverso questo lavoro.

I lavoratori quali colf e badanti infatti percepiscono una retribuzione da un privato che non è obbligato a fare delle ritenute d’acconto ed è dovere del lavoratore per il pagamento delle tasse, richiedere il modello CUD al proprio datore.

Il CUD, ossia “Certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente” non è altro che un documento che attesta e riepiloga gli importi che sono stati erogati dal datore di lavoro al lavoratore ed oggi è possibile autocertificarlo attraverso quella che è chiamata “Dichiarazione Sostitutiva CUD”.

Sappiamo che l’autocertificazione è una semplice dichiarazione scritta e firmata dal cittadino che può essere consegnata o inviata ad un ente di pubblica amministrazione che ha l’obbligo di accettarla e generalmente necessita dei semplici dati e della dicitura di ciò che si vuole autocertificare, la dichiarazione sostitutiva CUD ha invece un formato particolare.

 

 

Come fare la dichiarazione sostitutiva CUD?

Prima di tutto nella dichiarazione sostitutiva CUD vengono indicati i dati anagrafici del datore di lavoro, dunque nome e cognome, data e luogo di nascita, comune ed  indirizzo di residenza seguiti dal codice fiscale; successivamente vengono indicati i dati anagrafici ed il codice fiscale del collaboratore domestico.

Si dovrà poi dichiarare l’anno nel quale ha effettuato le prestazioni lavorative ed il periodo con il numero di giorni di detrazione, quindi i giorni nei quali non ha lavorato.

Infine verranno indicati i compensi annuali, quindi la retribuzione alla quale deve essere sommata anche la tredicesima, i contributi ed il netto assegnato al lavoratore. Questa dichiarazione sostitutiva CUD dovrà essere rilasciata dal datore di lavoro al lavoratore entro 30 giorni dalla scadenza della dichiarazione dei redditi oppure quando cessa il rapporto lavorativo fra i due.

Grazie alla dichiarazione sostitutiva CUD, il datore di lavoro può evitare di rilasciare certificazioni originali che possono prevedere anche un particolare costo, questa è invece gratuito.

Può essere inviata telematicamente o consegnarla in maniera diretta ad esempio per la dichiarazione dei redditi, ed in ogni caso deve essere firmata per avere una validità.

 

 

Un’autocertificazione senza firma non serve praticamente a nulla, la firma però non deve essere autenticata. Importante ai fini penali è la dichiarazione del vero, infatti anche se si tratta di un’autocertificazione, quindi scritta dallo stesso soggetto senza certificati originali, la pubblica amministrazione può sempre controllare che siano stati dichiarati fatti reali e nel caso in cui non sia così, applicare delle sanzioni.

Autocertificazione CUD: scarica gratis il modulo .doc da compilare

Se siete alla ricerca di un modello precompilato di dichiarazione sostitutiva CUD, di seguito ve ne allegheremo uno in formato .doc da poter compilare con i vostri dati ed utilizzare.

clicca qui e scarica

Cerca anche

autocertificazione visure camerali

Autocertificazione visura camerale: ecco la guida

All’interno di questa guida, spiegheremo come effettuare l’autocertificazione della visura camerale, in maniera semplice e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *