Templates by BIGtheme NET
Home / Commercio e professioni / Autocertificazione IVA agevolata al 10% : ecco tutto quello che bisogna fare

Autocertificazione IVA agevolata al 10% : ecco tutto quello che bisogna fare

autocertificazione IVA agevolata al 10

Tutti coloro che decidono di realizzare autonomamente un proprio impero, diventando così degli imprenditori, devono aprirsi una partita IVA, e talvolta possono avvalersi o del regime minimo o di quello agevolato.

Per poter accedere a questi due regimi, i due requisiti fondamentali sono il non aver mai svolto attività proprie nei 3 anni precedenti, il non aver mai svolto un’attività simile, e inoltre non bisogna superare i 30.000 euro all’anno di fatture.

Come aprire una Partita IVA con regime agevolato?

Per aprire una partita IVA con regime agevolato è necessario fare richiesta tramite un modulo specifico dove vengono indicati una serie di dati che sono inerenti al nome dell’azienda e dell’imprenditore, dati sul tipo di attività che il cittadino desidera svolgere e il codice di quest’ultima.

   

Il modulo in questione, dopo la compilazione, va presentato entro trenta giorni dall’inizio dell’attività; a quel punto il regime fiscale scelto dall’imprenditore, dura un anno.

Esistono tre aliquote IVA in vigore in Italia e tra queste anche la 10%, aliquota ridotta che è applica ai servizi turistici in Italia, per incentivare il turismo, ad alcuni prodotti alimentari e alle operazioni edili.

Quindi, sugli interventi di manutenzione, sulla realizzazione di immobili, l’imprenditore può richiedere l’applicazione dell’IVA 10%.

Quest’agevolazione si applica sui beni significativi quali ascensori, montacarichi, infissi interni ed esterni, caldaie, citofoni, apparecchiature di condizionamento, sanitari, impianti di sicurezza, inoltre, l’IVA si applica anche ai beni finiti, cioè quei beni che conservano la propria individualità come porte, sanitari.

L’IVA agevolata può essere concessa sia quando è il capo cantiere ad acquistare i beni così come  li acquista colui che li richiede. Tale agevolazione non può essere applicata in caso di lavori di ristrutturazione, quando i materiali sono forniti da un soggetto diverso da quello che opera sul campo di lavoro.

 

 

Come si può ottenere l’IVA 10% ?

Per poter ottenere l’IVA 10% per le ristrutturazioni edili, è necessario presentare un’autocertificazione all’impresa che fornisce i materiali e che effettua i lavori. Per autocertificazione, ci riferiamo ad un documento, conosciuto anche come dichiarazione sostitutiva di certificazione, che sostituisce il certificato originale.

Questo documento, può essere utilizzato nelle relazioni con le pubbliche amministrazioni, ma anche scuole, università, e altri enti pubblici. Inoltre, può essere utilizzato anche nelle relazioni con i gestori di servizi pubblici e tutti i privati che lo consentono eccetto i tribunali e le preture.

Possono avvalersi dell’autocertificazione tutti i cittadini italiani, quelli facenti parte dell’Unione Europea, e i cittadini extracomunitari con un permesso di soggiorno regolare. Il documento, viene presentato su un semplice foglio bianco, con relativa firma, oppure compilando appositi moduli.

Giova ricordare che l’autocertificazione deve essere firmata dall’interessato e non occorre l’imposta da bollo. Nei casi in cui l’autocertificazione non viene firmata dal diretto interessato di fronte a colui a cui verrà consegnata, bisogna allegare la fotocopia di un documento di riconoscimento. Secondo quanto detto dall’articolo 76 del D.P.R. 445/2000, tutti coloro che dichiarano il falso ne risponderanno penalmente.

Come fare l’autocertificazione di iva agevolata al 10% ?

Per quanto riguarda il modello dell’autocertificazione per richiedere all’applicazione dell’aliquota IVA agevolata 10%, dovremo avere cura di inserire:

  • nome e cognome dell’interessato
  • codice fiscale
  • data e luogo di nascita
  • domicilio fiscale
 

 

A seguire, colui che compilerà l’agevolazione, dovrà dichiarare che si assume la responsabilità di tale intervento, e per tale motivo richiede l’applicazione dell’aliquota del 10% nei limiti ivi previsti, allegando la copia del documento che dichiara l’inizio dell’attività o l’autorizzazione concessa dall’edilizia rilasciata dal comune.

L’autocertificazione, come detto precedentemente, dovrà terminare con data, luogo e firma dell’interessato.

Autocertificazione IVA agevolata 10% : scarica gratis il modulo .doc da compilare

Qui di seguito, qualora ne abbiate necessità, vi allegheremo il modello in formato doc. dell’autocertificazione iva agevolata 10%.

clicca qui e scarica

Cerca anche

autocertificazione qualifica professionale

Autocertificazione qualifica professionale: la guida giusta

L’autocertificazione è un documento che può essere prodotto autonomamente dal cittadino e che sostituisce il ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *