Templates by BIGtheme NET
Home / Autocertificazioni più Ricercate / La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU): come procedere

La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU): come procedere

dichiarazione sostitutiva unica

All’interno della seguente guida provvederemo a spiegarvi come fare la dichiarazione sostitutiva unica, conosciuta anche con  la sigla DSU.

La Dichiarazione Sostituiva Unica, detta anche DSU, secondo l’articolo 10, comma 3, del DPR n 159/2013, è un documento che contiene informazioni di tipo anagrafico, reddituale e patrimoniale. Tale documento descrive la situazione economica di un nucleo familiare, e viene richiesto da uno dei membri della famiglia, purché maggiorenne, per  richiedere delle agevolazioni.

Queste ultime, sono dei servizi nell’ambito dell’assistenza o prestazioni che vengono concesse in base al reddito di tale nucleo, e comprendono anche i servizi pubblici, ad esempio il bonus elettrico, agevolazioni per le madri entro i 6 mesi dalla nascita del figlio, per le persone non autosufficienti, riduzione del canone telecom, sostegno alla locazione, fornitura di libri di testo e agevolazioni nell’ambito universitario.

   

Le informazioni contenute in tale documento, DSU, sono sia autodichiarate ad esempio dati anagrafici, dati riguardanti membri della famiglia che presentano disabilità, e in parte acquisite cioè prese direttamente dagli archivi dell’Agenzia delle Entrate e dall’INPS. Per quanto riguarda la parte autodichiarata, il membro della famiglia, compila la DSU, assumendosi la responsabilità di quanto dichiara.

Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU):  come è fatta e a che cosa serve?

La DSU è un modello composto da tanti fogli, uno di base e dei fogli allegati in base al numero dei costituenti della famiglia. Bisogna prima di tutto specificare per quale motivo si richiede il modulo, quindi che tipo di servizio agevolato viene richiesto, e successivamente si passa ad inserire i dati del nucleo familiare. Questi ultimi comprendono la residenza, se l’immobile è di proprietà privata o sotto contratto; la presenza di portatori di handicap che presentano un’invalidità superiore al 66%; da quanti genitori e da quanti minori è composta la famiglia; le attività svolte dai genitori all’interno del nucleo familiare.

 

 

La DSU, serve a fornire informazioni utili al calcolo dell’ISEE, indicatore della situazione economica equivalente. Questo dato, controlla il reddito dei componenti del nucleo familiare e del loro patrimonio. Inoltre, prende in considerazione anche tutte quelle situazioni di bisogno e provvede a favorire dei trattamenti per sopperire a delle carenze.

Con l’introduzione della DSU, non vi è un unico ISEE. Altri ISEE disponibili in base al tipo di richiesta sono: ISEE università, sociosanitario, sociosanitario-residenze, minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi. E’ inoltre presente anche la DSU MINI, per calcolare l’ISEE standard o ordinario. Questo documento si compone di un modello base detto anche MB1, che contiene informazioni riguardanti il nucleo familiare, e il modulo FC1 che contiene tutti i dati del componente.

Come si fa e chi può richiederla?

La dichiarazione sostitutiva unica, può richiederla un membro maggiorenne della famiglia, il quale dopo aver compilato il modulo, lo presenterà al comune,  al CAF, centro di assistenza fiscale, o all’INPS del territorio per via telematica, accedendo al sito.

All’interno del portale, con il quale si accede tramite un PIN che viene rilasciato dal sito stesso, l’interessato potrà richiedere la propria DSU tramite un percorso telematico assistito, che aiuterà il cittadino nell’inserimento di tutte le informazioni necessario per la stesura di tale documento.  Al  termine della procedura, l’INPS, renderà disponibile un’attestazione che riporterà non solo l’ISEE, ma anche il contenuto della DSU.

Tale attestazione può essere richiesta da qualsiasi componente della famiglia presso le sedi territoriali di competenza o all’interno del portale INPS. E’ opportuno ricordare che la DSU, al momento della presentazione contiene solo informazioni autodichiarate. Per il calcolo dell’ISEE, è necessario che si completino dei dati da parte dell’INPS o dell’Agenzia delle entrate. Entro 10 giorni viene calcolato e reso disponibile l’ISEE.

 

 

Dichiarazione sostitutiva unica: scarica gratis il modulo .doc da compilare

Per tutti coloro che non vogliono o trovano difficoltà nel compilare la DSU telematicamente, è presente un modulo precompilato , in formato doc. da compilare e allegare al documento di riconoscimento.

clicca qui e scarica

Cerca anche

autocertificazione generica

Autocertificazione generica, modello e guida definitiva

All’interno di questa guida provvederemo a spiegare come fare l’autocertificazioni generica, avendo cura di spiegarvi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *