Templates by BIGtheme NET
Home / Autocertificazioni più Ricercate / Autocertificazione diploma di maturità: ecco come fare correttamente

Autocertificazione diploma di maturità: ecco come fare correttamente

autocertificazione diploma maturita

L’autocertificazione, secondo al  DPR numero 445 del 2000, è un documento scritto e firmato dal cittadino stesso che sostituisce un certificato originale rilasciato da Comuni, Regioni, Province etc., infatti per questa sua funzione viene chiamato anche Dichiarazione Sostitutiva.

Oggi è possibile che il cittadino autocertifichi un vastissimo numero di documenti, evitando così i tanti passaggi che purtroppo sono necessari per richiedere un documento al proprio Comune ed è molto utile in quanto inviandolo alla pubblica amministrazione ha la stessa valenza del certificato originale.

La pubblica amministrazione, che comprende anche enti quali ad esempio i fornitori di servizi di energia elettrica, gas, acqua, o banche e poste, deve obbligatoriamente accettare l’autocertificazione, ovviamente aiutandosi con i giusti controlli per verificare la veridicità di quanto dichiarato.

Tra i tanti casi in cui è possibile autocertificare qualcosa, sappiamo che è presente anche il diploma di maturità, un’autocertificazione che risulta anche molto utile per differenti fini.

   

Cosa si intende per diploma?

Il diploma è un documento che viene rilasciato da un’autorità pubblica, e che conferisce al soggetto in questione un titolo di studio. Esistono diversi tipi di diplomi e tra questi anche il diploma di maturità.

Chi può richiedere l’autocertificazione e a chi è indirizzata?

Possono richiedere l’autocertificazione o dichiarazione sostitutiva di certificazione i cittadini italiani, i cittadini dell’Unione Europea, e i cittadini extracomunitari in possesso di un regolare permesso di soggiorno. I cittadini sopra citati, possono utilizzare tale documento nei rapporti con le pubbliche amministrazioni, con i gestori di pubblici servizi, e con i soggetti privati che accettano il documento, ad eccezione dei tribunali e delle preture.

 

 

E’ possibile fare un’autocertificazione del diploma di maturità? Cosa inserire nella certificazione?

Si, come riportato precedentemente, è possibile autocertificare quasi tutto. L’autocertificazione del diploma di maturità, è un documento che permette al sottoscritto, di dichiarare di possedere un determinato titolo di studio.

Questo tipo di documento, non richiede la firma autenticata, e nel caso in cui il modello venga consegnato per fax o per via telematica, è necessario allegare la fotocopia del documento di riconoscimento. La pubblica amministrazione ha poi la possibilità effettuare delle verifiche sul documento in questione. Nel caso in cui questo non sia veritiero, il dichiarante decade di tutti i benefici ottenuti con l’autocertificazione, e in più rischia sanzioni penali.

Il modello per l’autocertificazione è semplice da compilare o da riscrivere su foglio bianco, ed è diviso in due parti. Nella prima parte è necessario indicare tutti i dati personali del soggetto in questione, quindi il nome il cognome, la data e il luogo di nascita, la residenza, la via, il numero di telefono e l’email.

Nella seconda parte bisogna fornire tutte le informazioni inerenti al titolo di studio in possesso, la data di conseguimento e dove è stato conseguito. Inoltre, il sottoscritto deve dichiarare di prendersi la responsabilità di quanto certificato. Infine, inserire il luogo, la data e la firma.

 

 

Autocertificazione del diploma di maturità: scarica gratis il modulo .doc da compilare

Qui di seguito, qualora ne abbiate bisogno, vi allegheremo in formato .doc , il modello prestampabile dell’autocertificazione del diploma di maturità.

clicca qui e scarica

Cerca anche

autocertificazione carichi pendenti

Autocertificazione carichi pendenti: la procedura da seguire

  All’interno della seguente guida vi spieghiamo come effettuare l’autocertificazione dei carichi pendenti. Il certificato ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *